Dopo ore senza nuove entrate, verso le 16 sono arrivate decine di giovani, che costeggiano il confine per nuotare fino alla spiaggia di Tarajal. Molti di loro vengono restituiti al momento, secondo Cadena Ser, che prevede che la maggior parte siano minorenni.

Nel secondo giorno di una crisi migratoria senza precedenti, mercoledì mattina il Marocco ha chiuso il valico di Tarajal e ha così alleviato l’esodo migratorio che negli ultimi due giorni ha consentito l’ingresso a Ceuta di 8.000 migranti, di cui 5.600 già rimpatriati, secondo il governo.

Da parte loro, le comunità hanno concordato con l’Esecutivo di offrire circa 200 posti di accoglienza per i minori non accompagnati che erano già nei centri di protezione a Ceuta in modo che i bambini che sono arrivati ​​da lunedì scorso possano essere “adeguatamente curati” nella città autonoma (circa 1.500). Questa è una proposta avanzata dal ministro dei diritti sociali e dell’Agenda 2030, Ione Belarra, nella riunione straordinaria del Consiglio territoriale dei servizi sociali che si è tenuta questo mercoledì.

Rispondi