Dieci membri di una famiglia palestinese sono stati uccisi sabato mattina a seguito di un attacco aereo israeliano contro Gaza occidentale, secondo i medici del settore palestinese.

Otto bambini e due donne, tutti della famiglia Abu Hatab, sono stati uccisi dal crollo di un edificio di tre piani nel campo profughi di Shati dopo un attacco israeliano, secondo fonti mediche.

Le fonti hanno aggiunto che “la ricerca delle persone scomparse è sotto le macerie della casa che oggi era stata presa di mira all’alba”.

Muhammad Abu Hatab, il padre degli otto bambini dello Shifa Hospital di Gaza City, ha detto che i bambini “erano al sicuro a casa loro, non portavano armi e non lanciavano razzi”.

Ha aggiunto che i bambini sono stati uccisi “mentre indossavano i loro vestiti nuovi per l’Eid al-Fitr”.

Il capo dell’ufficio politico di Hamas, Ismail Haniyeh, ha dichiarato in una dichiarazione: “L’occupazione ha commesso un atroce massacro all’alba di oggi nel campo profughi di Shati a Gaza City, come estensione dei massacri compiuti in diverse aree del Striscia, che conferma l’impotenza e il fallimento del nemico, e anche l’ampiezza del dilemma di fronte alla grandezza della resistenza e delle sorprese. I suoi uomini leali ”.

Rispondi