La terapia sessuale è controversa in molti paesi e ha una prevalenza limitata. In Israele, tuttavia, il governo fornisce gratuitamente questo tipo di trattamento ai soldati gravemente feriti e bisognosi di riabilitazione sessuale.

La clinica israeliana dello specialista del sesso Ronit Aloni sembra proprio come ci si aspetterebbe di fornire questo tipo di trattamento. La clinica, con sede a Tel Aviv, contiene un comodo divanetto per i clienti e disegni di genitali maschili e femminili da spiegare.

Ma sorprendentemente, quello che succede nella sala da corsa, che contiene un divano che si trasforma in un letto e candele. E in questa stanza, i partner sessuali delle prostitute aiutano alcuni pazienti Aloni a imparare le relazioni intime, o meglio, come fare sesso.

“Non è una stanza d’albergo. È più vicino a una casa o a un appartamento. C’è un letto, un set musicale, un bagno con doccia e opere d’arte sessualmente eccitanti sui muri”, dice Aloni.

Ha aggiunto: “La terapia sessuale è spesso soggetta a partner o coniugi. Ma se uno di loro è senza un partner, non può completare il trattamento richiesto, e in questo caso, una persona che sostituisce, sia un uomo che una donna, interpreta il ruolo del partner nella relazione. “

Nonostante le critiche rivolte a questo tipo di trattamento come forma di prostituzione, Israele è diventato più accettabile, così che il governo copre le sue spese per i soldati feriti la cui capacità di avere rapporti sessuali è compromessa.

Aloni, che ha un dottorato in riabilitazione sessuale, dice che le persone “hanno bisogno di sentire la loro capacità di compiacere l’altra persona e avere la stessa quantità di piacere in cambio”.

“Le persone vengono per le cure. Non vengono per divertirsi. Niente è come la prostituzione”, ha aggiunto.

“Inoltre, circa l’85% delle sessioni si occupa di intimità, toccare, dare, ricevere e comunicare, come il paziente può sentirsi umano e connesso con l’altra persona. Quindi, fare sesso è la fine della giornata”.

Rispondi