Dopo essere stata posticipata di mezz’ora è iniziata alle ore 15:40 la conferenza stampa del Premier Mario Draghi presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio Il suo intervento

già previsto per illustrare il Documento di Economia e Finanza (DEF) e lo scostamento di bilancio approvato dal governo il giorno precedente, è giunto dopo la cabina di regia chiamata a discutere del nuovo decreto in vigore da maggio.

Nell’aprire la conferenza, il presidente del Consiglio ha confermato le indiscrezioni che davano l’inizio della zona gialla anticipato al prossimo 26 di aprile: Le decisioni di questa mattina anticipano al 26 aprile la zona gialla, ma introducono rispetto al passato un cambiamento: si darà la precedenza alle attività all’aperto, quindi anche alla ristorazione a pranzo e a cena”.

n merito alle scuole, Draghi ha dichiarato: “Tutte le scuole di ogni ordine e grado riapriranno in presenza in zona gialla e arancione, mentre in rosso vi sono delle modalità che suddividono in parte in presenza e in parte a distanza. […] Con la decisione di oggi il governo ha preso un rischio ragionato e fondato sui dati che sono in miglioramento.

Secondo le prime indiscrezioni da maggio potrebbero tornare le zone gialle (sono diverse le regioni che avrebbero i parametri per istituirle), cosa che consentirebbe la riapertura di bar, ristoranti, palestre e cinema con rigidi protocolli anti contagio e nelle aree dove i casi lo consentono.

Rispondi