In Iraq è nato un bambino con tre peni.Secondo uno studio sull’International Journal of Surgery Case Reports, i peni soprannumerari sono un’anomalia congenita estremamente rara, che si verifica uno su ogni 5-6 milioni di nascite.

Ma mentre fino ad oggi sono stati segnalati circa 100 casi di diphallia – doppio pene -, i medici ritengono che questo sia il primo caso mai confermato di triphallia

Triphallia (tre peni) è una condizione non dichiarata nell’uomo fino ad ora “, hanno scritto gli autori.

Il bambino senza nome, un curdo nativo della città di Duhok, è stato portato in ospedale dai suoi genitori a tre mesi, perché il suo scroto era gonfio su un lato e aveva due piccole proiezioni cutanee lungo il perenium.

A un esame più attento, i medici hanno stabilito che non erano solo proiezioni cutanee; ciascuno era un pene separato – uno lungo circa 2 cm con un glande, che era attaccato alla radice del pene principale, l’altro di circa 1 cm ed era sotto lo scroto.

Le due comparse avevano sia corpi cavernosi che spugnosi (nel senso che teoricamente avrebbero potuto raggiungere un’erezione), ma nessuno dei due aveva un’uretra (rendendo impossibile la minzione).

Non c’era storia di abuso di droghe durante la gravidanza; né la famiglia aveva alcuna storia di anomalie genetiche.

Alla fine, i medici sono stati in grado di tagliare i due extra e ricucire quello principale, senza problemi, prima di dimettere il paziente. Un follow-up a un anno ha rilevato che non aveva subito effetti avversi.

Rispondi