Sonia Pantoli è morta. La trentunenne è morta a causa del Covid-19. Era un’architetto, originaria di Paterno ma residente a Francavilla, in Abruzzo, insieme ai genitori e alla sorella. Tutta la famiglia aveva contratto il virus. Non potevano immaginare, tuttavia, che ad avere la peggio sarebbe stata la giovane.

Sonia Pantoli aveva contratto il Covid-19, insieme alla sua famiglia, a fine febbraio. Le condizioni di salute della ragazza erano peggiorate improvvisamente da rendere necessario il ricovero in ospedale a Pescara, a differenza di quelle dei genitori (il primo a scoprire di essere positivo era stato il padre) e della sorella. Purtroppo il suo cuore ha smesso di battere venerdì 26 febbraio a causa di questo maledetto virus.

Gina, sorella maggiore di Sonia Pantoli, è una esponente locale del Partito Democratico. In rete è arrivato il messaggio di cordoglio del partito: “La triste notizia della prematura scomparsa di Sonia ci addolora e commuove profondamente. Ci stringiamo con affetto al dolore di Gina e della sua famiglia. Avendo le più sentite condoglianze del Partito democratico“, si legge.

Rispondi