C’è posta per te

Enrico arriva in studio, molto agitato, apre la busta e vede che c’è la moglie Elisabetta, ma la lascia parlare: La moglie l’ha tradito due volte, la prima volta la perdona questa volta sembra non volerla perdonare.

Quando lui apre la busta,la moglie gli dice”Amore mio scusami, lo so che ti ho spezzato il cuore, avevo bisogno di averti al mio fianco, tante volte mi sono sentita sola nella vita, ma tu eri sempre a lavoro e quando tornavi a casa, sono stata zitta se ti avessi confidato le mie paure non sarebbe successo tutto questo.

Lo so che non mi credi più, che hai paura che io posso rifarlo in futuro, ma qui davanti a tutti io ti dico che l’unica cosa che mi interessa sei tu, la nostra vita con i nostri figli, mi manca tutto di te”. 

Annunci

Enrico spiega di avere degli orari piuttosto difficili di lavoro, lavorando di notte e riprendendo a lavorare nel pomeriggio. Tra le sue abitudini c’è quella di passare da sua madre, prima di tornare a casa, per scaricare la tensione del lavoro, magari passando del tempo con suo fratello. La mia famiglia, non si intromette: “Dicono che la scelta è mia però per me conta il loro parere”. Enrico parla in maniera più approfondita della questione: “Io credo che lei non abbia capito l’errore che ha fatto, quanto sono stato male io. Sono innamorato di lei, ma è anche l’abitudine che mi manca. Mi vuole bene, ma non so fino a che punto, penso che venga da me per i ragazzi, per i suoi, una tranquillità familiare”. 

Maria De Filippi cerca di fare dei paragoni per spiegare cosa potrebbe aver portato Elisabetta a compiere questo gesto: “È più grave che una donna o un uomo prenda i soldi dell’affitto e se li vada a giocare o che una donna tradisca e abbia il coraggio di venirtelo a dire. Tu la ami e non torni con lei perché pensi che non è la cosa giusta, ma io mi chiedo chi ci dice qual è la cosa giusta da fare. Se tu hai voglia di perdonarla, non fare quello che è giusto, fai quello che hai voglia di fare”. Alla fine lui apre la busta e la perdona.

Annunci

C’è posta per te

Rispondi