La Juventus si prepara ad ospitare la sua controparte portoghese, il Porto, all’Allianz Stadium nel ritorno degli ottavi di Champions League.

Annunci

E il Porto era riuscito a conquistare la Juventus con due gol a uno all’andata, il che mette sotto pressione il club italiano a vincere il ritorno per riservare il cartellino di qualificazione ai quarti di finale.

La storia è al fianco della Juventus durante il prossimo fatidico confronto, con nient’altro che il fallimento del suo concorrente portoghese nella vittoria in Italia in tutti i suoi precedenti confronti contro squadre italiane nel 16 ° turno di Champions League.

Il Porto perde sempre sul terreno degli italiani
Il Porto ha affrontato tre squadre italiane negli ottavi di finale di Champions League, Roma, Inter e Juventus, ma ha perso tutti i suoi incontri in terra italiana.

Annunci

Il primo confronto è stato nella stagione 2004-2005 contro l’Inter, e poi le due squadre hanno pareggiato in casa in Portogallo con un gol allo stesso, prima che il Porto subisse una sconfitta di tre gol per un gol a Milano e depositato il torneo.

Il secondo confronto è arrivato negli ottavi di finale della stagione 2016-2017 contro la Juventus, in cui l’anziana signora è riuscita a vincere solo andata nel Dragao con due gol netti, prima di vincere di nuovo in casa con un gol nullo e il Porto non è riuscito ancora a qualificarsi per i quarti di finale.

Annunci

L’ultimo confronto che ha portato il Porto con un club italiano agli ottavi di Champions League è arrivato nella stagione 2018-2019 quando si è scontrato con la Roma. E ancora una volta i portoghesi hanno perso sul terreno degli italiani con due gol a un gol, ma questa volta sono riusciti a ribaltare il risultato nel ritorno in casa vincendo 3-1 per qualificarsi ai quarti di finale.

E la ripetizione dello scenario della sconfitta del Porto in Italia regalerà alla Juventus il biglietto per i quarti di finale di Champions League, perché i bianconeri devono vincere anche un gol netto per cacciare l’avversario dalla competizione.

Rispondi