Le cose stanno prendendo piede sull’assistenza all’immunizzazione contro il coronavirus in Africa. Questo venerdì, l’Unione europea ha annunciato che raddoppierà il proprio contributo al dispositivo Covax. Questo dispositivo mira a fornire quest’anno i vaccini anti-Covid al 20% della popolazione di quasi 200 paesi e territori, ma soprattutto include un meccanismo di finanziamento che consente a 92 paesi poveri di avere accesso a dosi preziose, fino a quando non sono loro inaccessibili. Seguendo lo stesso principio, Emmanuel Macron ha proposto giovedì che i paesi ricchi trasferiscano dal 3 al 5% delle loro dosi di vaccino in Africa per accelerare la vaccinazione lì. Il continente, più colpito dalla seconda ondata rispetto alla prima, soffre di un notevole ritardo. Il 31 gennaio, il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha indicato su Twitter che dei 70 milioni di persone vaccinate contro il Covid-19 nel mondo, meno di 20.000 erano africani, ovvero lo 0,028% di quelle vaccinate per il 17% della popolazione globale.

Annunci

Le intenzioni europee non sono affatto filantropiche. La vaccinazione dell’Africa – e del mondo intero – è “una necessità assoluta per i paesi ricchi e per la loro stessa protezione”, afferma il dott. Jérôme Marty, presidente del Syndicat Union Française pour une Médecine Libre. Spiega: “Il principio di una pandemia è che è globale. Per arginarlo completamente, il mondo intero deve essere vaccinato, non solo i paesi ricchi. Altrimenti il coronavirus finirà per tornare nel loro territorio ”, semplice principio della globalizzazione e dei suoi movimenti di popolazione.

Annunci

Rischi per i paesi ricchi
E sarebbe sbagliato pensare che non ci sarebbe nulla da temere da un ritorno del coronavirus in paesi prevalentemente vaccinati. Hélène Rossinot, medico specializzato in sanità pubblica, vede due rischi principali. In primo luogo, la durata dell’immunità offerta dal vaccino non è ancora nota. Non si sà con precisione quanti anni duri l’immunità da vaccino con il coronavirus.In secondo luogo, “più il virus circola, più rischia di mutare e alcune varianti potrebbero rendere i vaccini meno efficaci”.

Annunci

Se la variante britannica non sembra presentare questo rischio per ora, uno studio pubblicato sul “New England Journal of Medicine” e che riunisce scienziati di Pfizer, il suo partner tedesco BioNTech e l’Università del Texas (UTMB), suggerisce che il La variante sudafricana potrebbe ridurre la protezione del vaccino Pfizer. Tuttavia, “con una circolazione più massiccia e più lunga in Africa, potrebbero apparire altre varianti e avere le stesse resistenze”, e questo preoccupa gli specialistiqqq.

Annunci

Un nazionalismo vaccinale potenzialmente mortale
Per Jérôme Marty, che condivide queste due paure, questa è la prova che la vaccinazione “deve essere coordinata e avvenire contemporaneamente in tutti i paesi del mondo, prima che il virus si adatti”. Tuttavia, per il momento, siamo lontani. Il 65% delle dosi viene somministrato nei paesi ad alto reddito, secondo i dati della Banca Mondiale, compreso il 45% delle iniezioni effettuate nei paesi del G7, che però ospitano solo il 10% della popolazione mondiale, mentre più di 100 paesi nel mondo avevano non è ancora iniziata alcuna campagna di vaccinazione all’inizio del mese. Il medico si rammarica che i paesi ricchi abbiano arrogato la maggior parte dei vaccini, bloccando l’accesso ai paesi poveri a causa di un’escalation di prezzi e dosi. “Attualmente, il mondo è tagliato in due, tra paesi ricchi e paesi poveri, e né l’uno né l’altro hanno interesse a questa vaccinazione a due velocità”, deplora Jérôme Marty.

Annunci

L’Organizzazione Mondiale della Sanità continua anche a sostenere la vaccinazione globale. Già nel mese di ottobre, il suo direttore Tedros Adhanom Ghebreyesus aveva avvertito: “Il modo migliore per utilizzare il vaccino è immunizzare alcune persone in tutti i paesi piuttosto che tutte le persone in alcuni paesi. Il nazionalismo dei vaccini prolungherà la pandemia, non la accorcerà. “

Annunci

E l’umanesimo in tutto questo?
Questo a tutto vantaggio dei paesi ricchi. Per non parlare delle questioni di dovere morale, come evoca Jérôme Marty: “In teoria, potremmo chiudere ermeticamente i confini per sempre, chiuderci definitivamente in noi stessi, metterci il velo e guardare con modestia altrove. Ma ciò significherebbe lasciare che una parte dell’umanità muoia senza fare nulla quando possiamo aiutarla. Al momento, anche con il dispositivo Covax e un altro dispositivo messo in atto dall’Unione Africana, solo il 30% della popolazione del continente dovrebbe essere vaccinato entro la fine dell’anno. Lungi, molto lontani dall’essere sufficienti per dare l’immunità alla mandria – la soglia è compresa tra il 60 e il 70% della vaccinazione e, ancora una volta, le varianti forse la aumenteranno.

Annunci

Hélène Rossinot conclude: “È una questione di solidarietà e giustizia poter, come Paese ricco, sostenere i Paesi più poveri nella loro lotta contro Covid. Questa pandemia ci ha portato via molto, non lasciamo che ci tolga la nostra umanità. “

Rispondi