La moda bambino non è sfuggita alla crisi economica e alla recessione causata dall’epidemia di Corona nel corso del 2020, poiché il fatturato è diminuito del 13,1%, pari a una perdita di 2,7 miliardi di euro.

Secondo i dati diffusi oggi da Sistema Moda Italia, in occasione dell’adesione di Pitti Bimbo alla piattaforma online Connect Connect, vista l’andamento transfrontaliero, il calo annuo stimato delle vendite all’estero ha raggiunto il 13,3%, che ha determinato la diminuzione del valore di queste esportazioni, il settore ammonta a più di un miliardo e 100 milioni di euro, pari al 41% del volume di vendita del settore.

Per quanto riguarda l’export, nei primi nove mesi del 2020 l’export di moda bambino ha raggiunto i 108,5 milioni di euro, in calo del 10,8%, nonostante una crescita dell’export verso alcuni paesi, come Romania (+ 25,9%) e Hong Kong (+ 10,6 %) E gli Emirati Arabi Uniti (+ 4,9%).

Anche le importazioni sono diminuite, raggiungendo il 15,7% anno su anno, per un valore complessivo di quasi 1,8 miliardi.

Rispondi