Un nuovo studio condotto da ricercatori nello stato americano della Pennsylvania ha rivelato che il numero di volte in cui una donna partorisce può influenzare il processo di invecchiamento del corpo, poiché la gravidanza e il parto possono contribuire al cambiamento e alla regolazione difettosa di molti diversi sistemi fisiologici che possono influenzare l’invecchiamento, secondo il sito web “News Medical”. .

I ricercatori hanno esaminato diverse misure che mostrano come il corpo di una donna sta invecchiando e hanno scoperto che le donne che hanno avuto due

Gravidanze invecchiavano di me no rispetto a quelle che avevano partorito tre o quattro volte.

“I nostri risultati indicano che la gravidanza e il parto possono alterare e interrompere la regolazione di molti diversi sistemi fisiologici che possono influenzare l’invecchiamento una volta che una donna raggiunge la menopausa”, ha detto Thalia Shirazi, dottoranda in antropologia biologica in Pennsylvania.

Ha aggiunto: “Ciò corrisponde ai cambiamenti nei tassi di combustione dei grassi, nel sistema immunitario e nei sistemi endocrini che si verificano nel corpo durante la gravidanza e l’allattamento, oltre ai rischi di varie malattie associate alla gravidanza in generale”.

Secondo i ricercatori, la gravidanza e l’allattamento consumano una grande quantità di energia del corpo e possono influenzare molti dei suoi sistemi, tra cui la funzione immunitaria, il metabolismo e la pressione sanguigna.

I ricercatori hanno utilizzato i dati su 4.418 partecipanti del National Health and Nutrition Examination Survey dei Centers for Disease Control and Prevention. I dati includevano informazioni sulla salute riproduttiva, incluso il numero di nati vivi e se avevano attraversato o meno la menopausa.

I ricercatori hanno misurato l’invecchiamento biologico in diversi modi sulla base di nove biomarcatori progettati per valutare la salute metabolica, la funzionalità renale ed epatica, l’anemia e le malattie dei globuli rossi, la funzione immunitaria e l’infiammazione.

#

Rispondi