Dopo l’infanzia, i bambini iniziano ad acquisire le capacità di mangiare da soli, e sono desiderosi di farlo, nonostante l’opposizione della madre, considerando che spesso si trova di fronte a un caos e avanzi per terra.
Il bambino ha spesso difficoltà a controllare gli utensili per mangiare, il che lo porta a tirare il cibo e la tazza d’acqua in bocca, il che provoca il caos.


A questo proposito, gli specialisti ritengono che quando un bambino mangia da solo, si ritrova in mezzo al piacere e di fronte a varie esperienze sensoriali. Sebbene un bambino mangi da solo, può essere disordinato, permettendogli di farlo lo aiuta ad acquisire sicurezza e a sentirsi a suo agio. Inoltre, l’uso di forchette, cucchiai e tazze, è un’opportunità precoce per il bambino di imparare a usare gli strumenti, il che aiuta, in seguito, a migliorare le sue capacità di scrittura e disegno.

https://www.facebook.com/ITALIA24com


Secondo i resoconti dei media, la capacità del bambino di nutrirsi è un aspetto importante del suo sviluppo personale e sociale, poiché aiuta il bambino ad acquisire fiducia in se stesso e costruire il suo senso d’indipendenza.


Mangiare da solo è anche un’opportunità per il bambino di aiutarlo a conoscere meglio il gusto, la consistenza, l’aroma e la temperatura del cibo.
E quando tuo figlio inizia a nutrirsi, sfrutta anche le sue capacità motorie, che rafforzano i muscoli delle mani, e queste abilità continueranno a migliorare a poco a poco e lo aiuteranno a svolgere le attività quotidiane, come digitare chiaramente, scrivere sulla tastiera di un computer, girare pagine di libri e lavarsi i capelli e i denti.


In un contesto correlato, la prontezza del bambino a mangiare da solo inizia all’età di 8 otto mesi, quando può controllare l’afferrare le cose, quindi è meraviglioso incoraggiarlo a farlo e permettergli di toccare il cibo, nonostante il disordine che ciò causerà. Quando raggiunge il dodicesimo mese, il bambino può gestire bene i cibi, poiché puoi mangiare alcuni cibi, come il purè di patate, o pezzi di frutti di bosco, come banane e verdure bollite, evitando alcuni cibi che potrebbero soffocare il bambino, come uva o fagioli Sudanesi e altri.