Ha quindi fatto riferimento alle severe critiche mosse dal presidente francese ad Ankara nel contesto del conflitto tra Turchia e Grecia sulla prospezione petrolifera nel Mediterraneo.

Sabato (12 settembre) il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha avvertito il suo omologo francese Emmanuel Macron “di non litigare con la Turchia” mentre cresce la tensione tra i due paesi sulla situazione nel Mediterraneo orientale

Non cercate lite con il popolo turco, non cercate lite con la Turchia “, ha lanciato Erdogan in un discorso televisivo a Istanbul, in riferimento al grave emesso da Macron nei confronti di Ankara nel quadro del conflitto tra Turchia e Grecia circa prospezione petrolifera nel Mediterraneo.

Emmanuel Macron e le sue sei controparti meridionali dell’UE giovedì hanno esortato la Turchia a porre fine alla sua politica di “ confronto ” nel Mediterraneo orientale e l’hanno minacciata di sanzioni europee se Ankara continua a sfidare i diritti di esplorazione del gas della Grecia e Cipro nella zona. Macron aveva anche stimato che il governo turco “oggi ha avuto comportamenti inaccettabili” e doveva “chiarire le sue intenzioni”.

Sabato Erdogan ha esortato la Grecia a “stare alla larga” dalle azioni “sbagliate” sostenute da paesi come la Francia nel Mediterraneo orientale. La Francia ha intensificato la sua presenza militare in quest’area il mese scorso. “Macron, non hai finito di avere problemi con me”, ha lanciato il presidente turco, attaccando per la prima volta direttamente e per nome il suo omologo.

Erdogan lo ha anche accusato di “mancanza di conoscenza storica” ​​e ha ritenuto che la Francia “non potesse dare alla Turchia una lezione di umanità” a causa del suo passato coloniale in Algeria e del suo ruolo nel genocidio del 1994. in Ruanda.

PUBBLICITÀ

La Turchia rivendica il diritto di sfruttare i giacimenti di idrocarburi in un’area marittima che Atene considera essere sotto la sua sovranità. Nelle ultime settimane i due Paesi hanno mostrato i muscoli con dichiarazioni marziali, manovre militari e spedizioni nell’area.